Appunti

Oggi non ho voglia di disegnare!

3 Dic , 2016  

matita_spezzata

Come il blocco dello scrittore, anche l’artista ha il suo blocco, che sia della matita o della mano, chiamatelo come volete è pur sempre un problema. Alcuni usano l’espressione “paura della tela bianca”, che fa un po’ film horror, ma anche questo si presenta come un vero ostacolo. Spesso ci ritagliamo dei momenti per inseguire le nostre passioni, ma certe volte capita che, dopo aver incastrato a pennello un paio d’ore per disegnare, non si riesce a dare sfogo alle proprie idee. Vediamo come rimediare a questo ostacolo!

Prima di tutto!

Individuare le cause:

1) C’è qualcosa che vi preoccupa?
2) Quel giorno siete particolarmente stressati o stanchi?
3) Non avete ispirazione?
4) Non sapete come iniziare?

Ok, fate mente locale e capite qual è la fonte del vostro problema.

  1. Se c’è qualcosa che vi preoccupa, seguite questo metodo. Immaginate di avere una scrivania davanti a voi piena di oggetti. La vedete? Ok. Immaginate ora di fare un movimento tipo spazzaneve con il braccio che parte da un lato della scrivania all’altro e buttate giù tutto quello che c’è. Ora visualizzate il piano della scrivania completamente vuoto. Non vi sentite meglio? Per dare sfogo alla creatività dovete fare tabula rasa. Azzerate. Resettate.
  2. Se si è stanchi non è possibile ottenere grandi risultati, questo è certo. Ad esempio fare un ritratto di un soggetto reale, una copia dal vero, richiede una grande prestazione celebrale. Oppure la tecnica dell’iperrealismo può risultare molto stressante per gli occhi. Ma attenzione! La stanchezza a volte può essere solo una scusa generata dalla vostra pigrizia. Per iniziare qualsiasi lavoro c’è sempre uno salto dall’idea al “fare”. Spesso una volta partiti e fatto il primo passo ci si entusiasma con i primi risultati e la stanchezza può svanire grazie alle scariche di adrenalina!
  3. Se non avete ispirazione questo è il minore dei mali. Non è difficile farsi ispirare. Se siete delle persone curiose e interessate avete moltissimi spunti anche senza muovervi dal punto in cui siete in questo momento. Alzate gli occhi e analizzate i particolari di quello che c’è interno a voi. Cosa vedete? Anche un semplice appendiabiti pieno di giacche può essere il vostro soggetto. Oppure aprite un libro, uscite a fare una passeggiata, immergetevi in una esperienza sensoriale di qualsiasi genere, anche una musica di sottofondo ci può ispirare. Gli input sono veramente tanti e potete trovare quello che fa al caso vostro molto facilmente.
  4. Se non sapete come iniziare, beh, è molto semplice! Non dovete fare altro che seguire i tutorial di Come Disegnare che usciranno nei prossimi giorni! Intanto scoprite come tenete la matita in questo articolo (sembra una cosa banale, ma ognuno di noi la tiene in modo diverso!)

Ciao e buon disegno!

 

 

 

 

, , , , , , , , , , ,

Appunti

Visita la nostra pagina Facebook!

19 Feb , 2014  

fb_comedisegnare

https://www.facebook.com/comedisegnare

Nel 2008 è nato un progetto, che consiste nel realizzare una “Scuola di Disegno” che possa soddisfare tutte le esigenze degli appassionati. Ad oggi abbiamo costruito un gruppo di lavoro sotto il nome di “ComeDisegnare”. E’ un gruppo molto produttivo dove ognuno esplora una o più tecniche in modo personale. Si sperimentano nuovi materiali e si propongono nuove idee. Una sorta di atelier aperto in cui è possibile esprimersi con il proprio stile.

Le tecniche che vengono approfondite vanno dalla gafite pura, alla china, per arrivare al pastello, all’acquarello in pastiglia e in pasta. Gli stili sono quelli dello Sketch o della rappresentazione iper-reale o da fotografia. I soggetti sono lo still life, il ritratto, il paesaggio, l’ambiente naturale. I temi: la grazia, la natura, l’uomo, il viaggio, la passione.

Un gruppo di lavoro i cui componenti seguono un unico intento: quello di migliorarsi facendo qualcosa che amano, con il comune denominatore della passione.

, ,

Appunti

Innamorarsi di un soggetto

1 Gen , 2013  

silvio_curti_ritratto_viso_12_12

Ore, ore ed ore di lavoro ti fanno entrare in sintonia con il tuo soggetto, ti fanno dimenticare tutto quello che c’è intorno. E’ un trasporto inevitabile e necessario per ottenere un importante risultato.

Esattamente 27 ore, il tempo impiegato per eseguire il ritratto che vi presento oggi, di cui 5 solo sulle labbra e 10 per gli occhi. I materiali che ho utilizzato in questo soggetto sono questi: matite 4b, 2b, hb, h – foglio: 500 gr / liscio

Con le matite ovviamente si passa dalla morbida alla dura in base all’intensità degli scuri e delle ombre che volete ottenere. Le matite più morbide creano campiture molto profonde per le zone di massima ombra, le matite più dure come h, 2h, 3h, ecc., si utilizzano solitamente per dettagli (infatti è meglio evitare le campiture piatte con matite troppo dure poichè diffcili da gestire) che necessitano di toni medi di grigio, come il contorno occhi in questo caso.

Dalla citazione di Cartier-Bresson prendo spunto per farvi riflettere sull’approccio che dovremmo avere con il disegno rispetto alla fotografia che oggi diventa immediata in maniera esponenziale. Il disegno è un’arte che va sedimentata dentro di noi, prima di essere condivisa.

“La fotografia è un’azione immediata; il disegno una meditazione”

cit. Henri Cartier-Bresson


, , , , , , ,

video tutorial

Come Disegnare un volto in 6 semplici step

15 Dic , 2010  

Silvio-Curti,-Yes-We-Can,-2009,-matita-su-carta,-82-x-51-(Custom)_cut-(Custom)_obama_barack_portrait_ritratto

Vi siete mai chiesti, ma come fanno quei ritrattisti per la strada a fare un ritratto in 5 minuti?! O forse 6 minuti! Beh, la risposta è semplice. Basta avere in mente le proporzioni fisse del viso. Seguite e memorizzate questo breve tutorial che vi illustra come impostare un metodo di base per provarci in 6 semplici step! Vediamo come!

, , , , , , , , , ,